Spyro Gyra - 11 Novembre 2017


↓PREVENDITE DISPONIBILI CLICCARE QUI ↓


Biglietti disponibili anche Presso i punti vendita BookingShow:
CLICCA QUI per trovare il più vicino a te.

ingresso 30,00€ + spese prev.
(POS non disponibile all' ingresso)

POSSIBILE L' ACQUISTO PRESSO IL LOCALE IL
MERCOLEDI POMERIGGIO

Apertura Porte: 20:00

Inizio Spettacolo: 22:00/30


Gli Spyro Gyra hanno trovato la propria identità musicale mescolando R&B, musica carraibica, elementi pop e jazz. La storia del gruppo è una delle leggende più raccontate della musica moderna: inizia con Beckenstein, leader di un gruppo di musicisti sulla scena jazz di Buffalo all'inizio degli anni settanta. Quando il promoter di un club volle fare pubblicità al gruppo che diventava sempre più popolare, Beckenstein ha suggerito scherzando il nome "spirogira", un termine che si ricordava da lezioni di biologia al Liceo. E' un errore di ortografia che ha dato al gruppo questo nome stravagante, presto sinonimo di eccellenza nell'ambito del jazz contemporaneo.

Nel 1976 finanziano da soli il loro album d'esordio che registrano per l'etichetta indipendente Amherst. Il disco è diventato un successo lentamente. Il pezzo che da titolo al album Morning Dance, registrato per l'etichetta Infinity Records nel 1979, si piazza addirittura tra le quaranta migliori vendite di single negli Stati Uniti. Questo successo notevole fa degli Spyro Gyra uno dei gruppi più popolari della scena jazz contemporanea e, negli anni ottanta, la loro popolarità non ha smesso di crescere.

I loro album sono stati continuamente dei best-sellers, e i loro concerti sempre esauriti. Nel corso degli anni ottanta la formazione del gruppo ha fluttuato, ma Beckenstein e Schuman sono rimasti il nucleo della band, mantenendo intatta la particolarità del loro suono. La loro longevità è il risultato della loro grande energia e di uno sguardo sempre ottimistico sul presente e il futuro. Il sassofonista Jay Beckenstein ha rilevato con piacere che "la gente è ancora entusiasta di sentire ciò che facciamo e ci ha permesso di continuare a suonare con un piacere immenso"

Fonte: Last

pubblicato il 01/07/2017